Come ce l’hanno fatta 57 imprenditori

Il valore della condivisione di esperienze, errori e vittorie di imprenditori.

Gli imprenditori della community OSA presentano il 23 marzo ore 17 alla Feltrinelli di Brescia il libro  “Come ce l’hanno fatta 57 imprenditori italiani – atto II” – Edito da Fausto Lupetti Editore.

La precedente edizione ha venduto oltre 7.000 copie, ed ha contribuito a diffondere e ispirare quella cultura d’impresa pratica, condivisibile ed efficace che è la base della nostra economia.

Alla presentazione interverranno 3 speaker:

  • Roberto Castelli, CEO della BCloud Srl, il primo Software Defined System Integrator in Italia
  • Philip Dall’Igna di Ph web Srl, specialisti in Web Marketing Strategico
  • Jimmy Clarini, fondatore e amministratore unico di Entriage Srl, prima società italiana specializzata nel Primo Intervento di Turnaround

“Ritengo un valore inestimabile condividere le proprie esperienze imprenditoriali – dice Jimmy Clarini – sia per contribuire al successo o allo sviluppo di altri imprenditori ed imprese ma anche beneficiare di quanto già sperimentato da altri, che siano errori o successi.”

Per esempio, proprio Clarini, nel 2000 era stato fondatore, socio di maggioranza e amministratore di una società che, sebbene avesse le potenzialità per essere quotata in borsa, ha dovuto svendere per evitare il peggio.

“Pieno delle mie ragioni di pensare a una soluzione positiva della crisi, mi sono trovato mio malgrado a dover licenziare dipendenti e compagni di avventura. Prima del tracollo che mi ha portato a svendere l’azienda e perdere soldi e sogni, ho attuato un po’ “a casaccio”  delle strategie e delle azioni che pensavo fossero intelligenti e di buon senso per migliorare le cose ma purtroppo hanno solo che accelerato la fine. È quest’esperienza che mi ha portato a scoprire il Turnaround ed ha segnato l’atto di nascita di Entriage”.

Ogni capitolo del libro ha dentro l’esperienza personale e le emozioni dell’autore che si intrecciano con i successi e gli insuccessi della sua impresa. Sono 57 storie arricchite da esempi ed esperienze concrete in ambiti quali la strategia d’impresa, lo sviluppo della leadership, il marketing, l’innovazione, la crescita personale dell’imprenditore e l’intelligenza finanziaria, campi nei quali ognuno degli autori è considerato un’eccellenza.

OSA: la prima community dell’Italia che fa impresa

Come ce l’hanno fatta 57 imprenditori italiani – atto II” è solo uno dei tanti progetti che dal 2016 ha ideato e portato a compimento OSA, una community elitaria, pragmatica e strategica riservata solo all’Italia che produce, agli imprenditori che hanno voglia di crescere e crearsi un patrimonio di contatti chiave. Nata a Milano, OSA ha oggi sedi anche a Vicenza/Verona, Roma, Napoli, Catania e Cagliari.

Oggi la formazione e le competenze interne sono l’asset più importante che un imprenditore ha per competere, ma non è facile capire se e dove investire il proprio tempo e le proprie risorse per ottenere conoscenze di valore e pratiche per il proprio business” dichiara il Master Business Coach Alessio Brusemini, co-fondatore di OSA insieme al mentore degli imprenditori d’eccellenza Mirco Gasparotto. “OSA è nata per condividere esperienze e imparare dagli errori, arrivando rapidamente al nocciolo dei problemi che riguardano ogni giorno gli imprenditori di ogni settore”.

OSA e la dimensione sociale dell’imprenditore

La community OSA è anche un luogo che stimola a pensare al ruolo sociale che ogni imprenditore ha nei confronti della propria comunità, più o meno vicina territorialmente al suo centro di affari. Si affrontano tematiche extra-business che stimolano la sensibilità a pensare agli altri. Per esempio, i proventi dalla vendita del libro vanno interamente all’Associazione Mariana Opere nel Mondo, una Onlus impegnata a sostenere l’istruzione e la formazione di bambini e ragazzi in paesi in difficoltà.

Ed anche per Jimmy Clarini, Osa è stato un acceleratore di un progetto sociale. “La specializzazione nella prevenzione e risoluzione della crisi d’impresa e la costante diffusione del marchio Entriage ci porta in contatto con tantissimi imprenditori interessati alla prevenzione – tra l’altro ora sancita da una nuova legge entrata in vigore il 14 febbraio – e alle metodologie specifiche per gestire le fasi straordinarie che tutte le aziende possono attraversare”.

Tra questi imprenditori ci sono anche molte microimprese, con risorse limitate, se non esaurite, per il quale Entriage ha da poco iniziato a dedicarsi con un’unità “no profit” che ha lo scopo di dare consulenza confidenziale, imparziale e gratuita al fine di orientarli a “ripartire”.

D’altronde l’impegno a diffondere la prevenzione contro la crisi d’impresa è presente anche nello statuto di Entriage che, oltre ad essere una Srl, è anche una Società Benefit (sb) ossia un’impresa che svolge la propria attività anche con strategie che hanno un riflesso sociale.

Se volete saperne di più su:

  1. OSA – obiettivo strategia azione – Sito Web: Osa Community
  2. Società benefit e oggetto “benefit” di Entriage – Sito Web: Società Benefit
  3. Jimmy Clarini – Sito Web: Entriage
Resta aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter.